Operatività e sport: i cani da ricerca

person Pubblicato da: Dog Specialist list In: News Sopra:

Operatività e sport: i cani da ricerca

Sempre più spesso si sente parlare di cani da ricerca e i recenti terremoti hanno portato alla ribalta questa disciplina, fino a poco tempo fa quasi sconosciuta. Dietro un cane che fa ricerca c'è un duro e costante allenamento sia da parte del cane sia del conduttore, il binomio che deve affrontare un compito così arduo e importante deve avere caratteristiche non comuni di affiatamento, dedizione, motivazione e capacità tecniche. Se vogliamo intraprendere questa disciplina dobbiamo essere molto determinati e avere un cane che abbia l’attitudine giusta. Benché esistano razze di cani più adatte di altri, in realtà l'utilizzo di nessun tipo di cane è precluso a priori, anche i meticci. Devono essere soprattutto cani in salute, ben socializzati con una buona predisposizione verso le persone e un'ottima motivazione. Inoltre, è importante che si tratti di animali che non hanno paura di allontanarsi dal conduttore e con una buona preparazione fisica.

I gruppi per i cani da ricerca

La ricerca è una disciplina di gruppo: senza altre persone che ci aiutano nel lavoro e che simulano la presenza dei dispersi non potremmo allenarci. Per praticarla è quindi necessario affigliarsi a un gruppo specializzato che possa guidarci nella corretta preparazione del cane. Non necessariamente chi pratica l’attività di ricerca diventa poi operativo: esiste anche la ricerca sportiva, finalizzata al rapporto tra cane e proprietario e all'affinamento delle doti dell’animale, ma anche in questo caso occorre sempre avere un gruppo a cui far riferimento.

Per allenare un cane in questa disciplina bisogna dedicarle almeno uno o due giorni alla settimana, idealmente un giorno nel weekend e uno infrasettimanale, per dare tempo al nostro compagno di recuperare le forze. Durante gli allenamenti, una volta che il cane ha imparato a cercare e a segnalare la persona scomparsa, si passa alla simulazione in un bosco, in montagna o in siti appositamente concepiti per riprodurre il crollo di edifici. I figuranti si nascondono e il cane ha il compito di scovarli seguendo le indicazioni del conduttore. Esiste anche la tecnica di ricerca del Mantrailing della quale parleremo più avanti in maniera approfondita.

L'equipaggiamento per i cani da ricerca

I cani che fanno ricerca di superficie indossano una pettorina con una campanella che permette al conduttore di avere sempre un’idea della posizione del cane. Inoltre, in base al tintinnio, possiamo capire se l’animale è in movimento o si è fermato.

I cani che cercano tra le macerie, invece, non indossano attrezzatura per questioni di sicurezza, poiché rischierebbero di restare impigliati da qualche parte. Se però il terreno è molto sconnesso o ricco di detriti, possono indossare delle calzature protettive

I cani da valanga invece possono essere dotati di occhiali protettivi, oltre alle calzature e alle pettorine

È fondamentale, per la sicurezza del cane, che l’attrezzatura venga regolarmente controllata.

Domenica Lunedi Martedì Mercoledì Giovedi Venerdì Sabato Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre